Parco fluviale dell’Alta Valdelsa

https://www.ilgiuncheto.it/wp-content/uploads/2021/06/WhatsApp-Image-2020-08-05-at-13.28.43-1.jpeg

Il percorso di questo itinerario, detto Sentierelsa, inizia a Gracciano, a sud dell’abitato di Colle di Val d’Elsa,per 2 km fino ad arrivare alla località di San Giorgio. L’entrata è situata alla sinistra, allontanandosi da Colle di Val d’Elsa, del ponte di San Marziale.
Quì si trovano subito, visibili anche dalla passerella pedonale del ponte stesso, la Steccaia ed il Callone Reale, due importanti opere di ingegneria idraulica, di grande importanza per la città in quanto sin dall’epoca medioevale venivano utilizzate per incanalare parte dell’acqua del fiume Elsa.

Il Giardino la Foce in Val d’Orcia

https://www.ilgiuncheto.it/wp-content/uploads/2021/06/88a633d5-128d-4d38-9370-9f39310c6cb4.jpg

Poco prima di Chianciano Terme le colline ondulate ed armoniose della Val d’Orcia tornano ad incontrarsi con i più aspri calanchi delle crete. Qui, sul quadrivio dove convenivano e ancora convergono le strade per Pienza, Montepulciano, Sarteano e Chianciano, c’è un luogo dove la storia di questa parte della Toscana si intreccia con quella di una donna raffinata, attenta testimone del suo tempo e capace di consegnare a noi posteri un giardino incantevole, esempio di grande armonia e di pura bellezza: questo posto si chiama La Foce, questa donna è Iris Origo.